Pubblicato da: spaghettovolante | 9 aprile 2010

Chi ti ha dato la laurea?

Darwin: forse aveva ragione...

Egregi,

grazie all’impagabile Ratio, possiamo ammirare il viceprez Bob nella sede che più gli compete. Il nostro creazionista biblico preferito, infatti, questa volta parla dagli autorevoli microfoni di Radio Mary (beccati questo, BBC), invece di ospitare un’orda di buffoni alla sede centrale della istituzione di cui è vicepresidente (per chi non lo sapesse, si tratta del CNR, dettagli alla categoria bananagate)

Che il viceprez fosse totalmente digiuno di tutto quello che a che fare con la biologia, è cosa nota e arcinota. Visto il convegno (e il successivo libro) che ha promosso, si può agevolmente dire che è anche sprovvisto di qualsivoglia competenza in merito alla scienza in generale, visto che non è un’opinione che la Terra abbia miliardi di anni (e nessuno gli parli dell’universo, per l’amor di Dio) e che, se si sa di cosa si parla riferendosi al secondo principio della termodinamica, si sa anche che la sua rimasticazione in chiave antievoluzionista occupa un posto d’onore nel regno della mera propaganda antiscientifica (avrei voluto dire regno della follia, ma poi mi si dice sono troppo scortese).

Però il nostro mica è uno che fino all’altro giorno intrecciava vimini, una laurea ce l’ha. Ha una laurea in Storia Contemporanea. Andando a intuito, ma potrei sbagliarmi, una laurea di questo tipo dovrebbe fornire un qualche tipo di base in storia (appunto) e filosofia. Il video seguente tuttavia scuote le mie convinzioni

La tesi principale di Bob, e non è certo la prima volta che la caldeggia (né il primo), è il legame tra marxismo e evoluzionismo. Io non ho una formazione storica e filosofica di tipo universitario, ma essendo appassionato anche di storia dell’evoluzionismo e possedendo un’odiosissima tendenza al fact-checking, posso ampiamente gettare io stesso nel cesso il Bob-pensiero.

Cominciamo.

I creazionisti vanno vicini all’orgasmo quando possono gettarti in faccia la seguente asserizione:

“Marx voleva dedicare una copia de “Il Capitale” a Darwin!!!!!!!!!!!!!!” (segue solitamente una buffa danza camminando sulle nocche)

E’ così? No, è semplicemente falso.

http://www.talkorigins.org/indexcc/CA/CA002_2.html

Traduco:

Affermazione CA002.2:

Marx spedì a Darwin una copia che aveva personalmente cesellato della seconda edizione de Il Capitale, dicendo di volergliela dedicare, ma Darwin gentilmente declinò.

fonte:

Humber, Paul G. 1987. Stalin’s brutal faith. Impact 172. http://www.icr.org/index.php?module=articles&action=view&ID=276

Responso:

Darwin scrisse una lettera declinando la dedica di un libro sull’ateismo non meglio specificato, ma la scrisse a Edward Aveling. La compagna di Aveling era Eleanor Marx, figlia di Marx, ed ereditò le sue carte. Queste finirono mischiate coi carteggi del padre, e si pensò quindi che questa fosse diretta a lui. Questa versione divenne così ideologicamente popolare che fu ripetuta più e più volte. In seguito, una lettera di Aveling, che richiedeva a Darwin il permesso di dedicargli il suo libro The Student’s Darwin, fu trovata tra le carte di Darwin. Darwin aveva declinato, argomentando che la scienza non dovrebbe dedicarsi a materie di religione (Colp 1982; Carter 2000).

Darwin possedeva una copia de Il Capitale, ma le pagine non erano ancora state separate alla sua morte, quindi non lo lesse mai

Nessuno di questi ha comunque a che vedere con la scienza dell’evoluzione

Fonti:

Carter, Richard. 2000. Marx of Respect. http://www.gruts.com/darwin/articles/2000/marx/index.htm

Colp, Ralph Jr. 1982. The myth of the Darwin-Marx letter. History of Political Economy 14(4): 461-482.

Certo questo non basta a demolire del tutto la Fede di Bob, ma è un indizio.

Dunque, la sopravvivenza differenziale di mutanti, cioè la selezione naturale, si accorda in maniera logica al materialismo dialettico?

E’ indubbio che il darwinismo sia stato preso a pretesto da varie ideologie, ma è altrettanto indubbio che, razionalmente, è impossibile vedere nella doppia elica del DNA la falce e il martello, o in albero filogenetico una croce uncinata.

Ma qui siamo di fronte a persone secondo cui i cespugli ardenti parlano, e le madonne appaiono a pastorelli analfabeti. Che vedono l’opera dell’onnipotente ovunque. Nessuna sorpresa. Voi cosa vedete in questa immagine? Ecco, ci siamo capiti.

Ma torniamo alla Storia, quella che il viceprez dovrebbe conoscere in virtù del suo 110 e lode, e parliamo del signor Lysenko. Lysenko era un agronomo russo che, con l’appoggio di Peppone, affondò l’agricoltura sovietica. Come? Rifiutando le scoperte della genetica in favore di una forma di Neolamarkismo che presupponeva l’ereditarietà dei caratteri acquisiti. Lysenko eliminò (letteralmente) gli scienziati che dissentivano, e proseguì con ostinazione fino alla morte.

Conclusione: nella Russia comunista, il neodarwinismo, che fa bagnare il letto dalla paura a certe persone, non attecchì mai A CAUSA dell’ideologia politica. La Russia si deve ancora riprendere dalla batosta che Lysenko e Stalin diedero al progresso delle scienze biologiche, rifiutando le conferme dell’evoluzionismo darwiniano. Lysenko ammirava Darwin, ma di fatto sposò una tesi irrazionale che nulla aveva a che vedere con il metodo scientifico.

E’ vero che Darwin aveva un debito di riconoscenza nei confronti di Lamarck, e che non se la sentiva di rigettare del tutto l’ereditarietà dei caratteri acquisiti, ma è altrettanto vero che la teoria dell’evoluzione ha le basi nei fatti, non in qualche ideologia. Solo una corte di psicolabili può ricondurre il fatto che non ci sia una e una sola pubblicazione scientifica che permetta di rigettare l’evoluzione, a un complotto con precise radici politiche.

Quindi, Bob, chi ti ha dato la laurea? Il Cechu®?


Responses

  1. Spago,
    Lysenko era molto peggio di cosi’.
    Era un assistente di laboratorio che divento’ qualcuno tramite la politica e FALSIFICANDO ESPERIMENTI SCIENTIFICI (http://www.distributedrepublic.net/archives/2006/05/01/trofim-lysenko-ideology-power-and-the-destruction-of-science/).
    Il peggio e’ che cio’ che sarebbe diventata la teoria sintetica dell’evoluzione in occidente aveva gia’ messo le radici in Russia. Il grande genetista Vavilov (http://en.wikipedia.org/wiki/Nikolai_Vavilov) era un darwiniano eterodosso (come ci descrive Gould nel libro “Quando i cavalli avevano le dita”) che si oppose a Lysenko e pago’ con la degradazione, la sofferenza e la morte per stenti. La sua parabola e’ stata descritta efficacemente da Sean Carrol nel suo libro “Oltre ogni ragionevole dubbio”.
    Chi parla di collegamento tra il comunismo e il darwinismo (per quanto questo non sia che il mero precursore della moderna teoria dell’evoluzione, e quindi dica solo qualcosa sulla storia della scienza e non sulla scienza attuale) sputa sul cadavere di quest’uomo e degli altri scienziati che sono stati martirizzati per non aver sposato le idiozie e le falsita’ dell’amico di Stalin.

  2. Grazie Michelangelo, come sempre.
    Vavilov SI’ che è stato uno SCIENZIATO “ostracizzato” (per usare un eufemismo), non come il ridicolo Sermonti, che invece si bea del fatto che i biologi lo ignorino (altro eufemismo), proponendosi come vittima di una specie di persecuzione intellettuale.

    RAmen

  3. Ragazzi siete tutti invitati a Torino: esposizione della sindone! E il momento non poteva essere migliore: distoglie dal chiacchiericcio e festeggia il nuovo governatore Cota, leghista e razzista, diversamente intelligente che non si laureerebbe nemmeno con il Cechu.
    Ma c’è sempre Nostro Signore, il Prodigioso Spaghetto Volante che con il tocco provvidenziale delle Sue Pastose Appendici ci protegge da vic.prez. e combriccola, RAmen.

  4. Ho ascoltato il discorso di De Mattei. A differenza di altri scimmioni creazionisti, dice idiozie in tono pacato, con un procedere che a chi di queste cose non sa e/o non capisce nulla può sembrare perfino logico. Ma il tizio canna subito in modo brutale laddove confonde in maniera miserevole il materialismo storico con il materialismo dialettico (non credo che sia in buona fede, è un errore voluto, quasi un “classico” dell’argomentare sulla continuità evoluzionismo-marxismo).

  5. @ juhan:
    sindone? Ah si, quella specie di assorbente gigante (quanto tempo che aspettavo l’occasione giusta per dirlo). Ho appena visto al TG5 un servizio dove di diceva che la scienza “non è ancora riuscita a spiegare come possa essersi formata un’immagine del genere”. FUCK: http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=273974

    @paolo
    RAmen

  6. Giusto Paolo. De Mattei e’ in malafede o completamente obnubilato dalla sua crociata in favore di non si capisce nemmeno che Chiesa.
    Per inciso, la continuita’ tra marxismo e darwinismo e’ una cosa assurda, dato che Darwin si si ispiro’ quasi certamente ad Adam Smith e certamente a Thomas Malthus, due padri fondatori del capitalismo liberale, nell’ideare la sua teoria dell’evoluzione biologica (http://www.talkorigins.org/faqs/precursors/precursnatsel.html). Di fatto la teoria dell’ autorganizzazione sociale di Smith come conseguenza involontaria del libero mercato non e’ cosi’ dissimile dall’idea che complessi ecosistemi vengano ad autorganizzarsi come conseguenza involontaria della competizione tra gli individui per il successo procreativo. De Mattei, oltre che sputare sui cadaveri sui martiri della scienza, e’ anche un mistificatore della storia.

  7. Già che ci sono, qualcuno dei presenti ha mica il video del confronto de Mattei-Odifreddi a Chiasso?

    personalmente penso che sarebbe doveroso, e mi offro di contribuire in questo, estrarre le cagate più rilevanti, montarle e sottotitolarle in INGLESE.

    Se qualcuno lo ha disponibile, lo prego di torrentizzarlo/magauploadarlo/emularlo e di passare il link.

    RAmen

  8. E per la cronaca faccio notare lo spazio che viene dato a questo personaggio su Il Giornale di Feltri, che lo aveva difeso dalle critiche per la conferenza creazionista a nome del CNR.
    Articolo per attaccare Pievani.
    Articolo per esaltare il libro “Gli errori di Darwin” (notare il paginone “Cultura”)

    E chi va a spiegarlo a tutti quei lettori che si fidano dell’autorevolezza di certi organi di “informazione”.

    Michele.

  9. Della serie: un Darwin per tutte le stagioni… Ispiratore sia del nazismo che del comunismo, una teoria degna di una mente illuminata come quella del vicepresidente del CNR. Già che c’era poteva pure aggiungere alla lista il capitalismo sfrenato, dove il pesce grande mangia il pesce piccolo, no?

  10. @ Acar, ho raccolto un suggestivo elenco di articoli di “giornali” che davano supporto a Bob. I più esilaranti sono indubbiamente quelli di Marco Respinti.
    In quanto al libro, è già in gestazione un sermone, che ritengo doveroso. All’estero il libro è già stato doverosamente spernacchiato, da noi merita di essere spernacchiato una volta di più, visto che c’è di mezzo Piattelli Palmarini, che evidentemente non ha ancora capito di non avere capito nulla, come dimostrò citando in chiave antidarwinista una pubblicazione sul genoma dell’ornitorinco, dimenticandosi di dire che gli autori della ricerca dicevano esplicitamente che i risultati erano perfettamente coerenti con l’evoluzione per selezione naturale, come gli ricordò Bertorelle della SIBE
    http://www.sibe-iseb.it/Public/gruppi/DettaglioDiscussione.aspx?id=118
    Non so proprio cosa preferirei tra un libro di Mihael e questo qui. Certa gente dovrebbe avere il buon gusto o di starsene in pensione, o di fermarsi ogni tanto nella scrittura e chiedersi: e se stessi sparando una marea di cazzate?

    RAmen

  11. Vorrei segnalarvi questo fantastico gruppo trovato su facebookXD
    http://www.facebook.com/topic.php?uid=41436115554&topic=8765

  12. Che la gente di quel gruppo sia priva di pollici opponibili è fuori discussione, ma anche i giornalisti hanno le loro colpe: questa cosa di gridare “anello mancante” a ogni ritrovamento sta diventando veramente irritante. L’evoluzione non è una catena è in ogni fossile è intrinsecamente una forma di transizione. A breve il nuovo sermone,

    RAmen

  13. Ciao Spaghetto, ero passato da queste parti tanto tempo fa con il mio canale youtube che si chiamava NoWorkGroup.. Ne ho costruito uno nuovo, se ti va di passare a trovarmi mi farebbe piacere, ciao

    http://www.youtube.com/moltimondi

  14. Lo sapevo che eri sempre tu!
    Aggiunto.

    RAmen

  15. […] si prende il meglio delle bufale creazioniste, ha pubblicato lui le esternazioni del vice-presidente del CNR su radio Maria. Per un professore di storia del […]

  16. Esimio Spaghetto,
    siccome l’argomento ti starà sicuramente a cuore, mi permetto di regalarti l’anteprima mondiale della nuova lezione del noto scienziato di fama mondiale Livio Fanzaga su Darwin:


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: