Pubblicato da: spaghettovolante | 2 novembre 2009

Uaz uaz uaz!

creationists-who is your daddy now?

Non mi considero cattivo, ma provocarmi, anche indirettamente, non è saggio. L’AISO, Associazione Italiana per gli Studi sulle Origini, ha organizzato per il 16 e 17 ottobre l’ennesimo convegno bufala sul creazionismo. La nullità culturale dell’evento in questione non ha fatto però il paio con la pubblicità che gli è stata elargita. Del convegno si iniziò a parlare a Febbraio. Dal blog di Oca sapiens:

Il più bravo a recitare le lezioni dell’Intelligent Design Institute, comprese le citazioni fuori contesto, è il giovane Fabrizio Fratus. En passant, annuncia che entro l’anno l’AISO e la sua rivista Sintesi Sulle tracce delle origini (grazie Fratus, link in calce),  organizzeranno “il primo convegno internazionale d’Italia” sul Progetto Intelligente con la partecipazione dei più grandi scienziati di questa disciplina. (Come previsto, dopo la débacle americana, Behe, Dembski e la troupe del Discovery Institute vengono in tournée in Italia, terra di missione e di polli allocchi merli tordi da spennare.)

da http://ocasapiens-dweb.blogautore.repubblica.it/2009/02/13/per-carnevale-vi/

Di internazionalità al convegno, era da prevedersi, nemmeno l’ombra, a parte l’accento dell’ingegner Bertolini e il pastore-astronomo avventista (come Bertolini) Mart de Groot.

Dovete ora sapere che il più prolifico autore di articoli, e recentemente anche di un libro, di questa AISO è un medico, tale Mihael Georgiev (avventista), e è ossessivamente copia-incollato da Fabrizio Fratus sui suoi blog. E’ membro del comitato direttivo e del comitato di Redazione

http://origini.info/cariche.asp

Sono andato allora su uno di questi blog e, a caso, ho scelto un articolo di Mihael e l’ho letto, fino in fondo. Già per questo credo meriterei una medaglia, ma visto che mi sentivo VERAMENTE preso per il culo, ho concluso che con una ventina di minuti addizionali avrei potuto trasformare la mia irritazione in ilarità, mia e vostra.

Buona lettura, al solito note in rosso mie. Il copia e incolla è “quasi” fedele, nel senso che per via di una beffa dell’html a Fratus sono spariti dei virgolettati che ho dovuto riempire manualmente risalendo all’articolo sul sito dell’AISO http://www.origini.info/articolo.asp?id=242

EUROPEI O AFRICANI?
di Mihael Georgiev – 10/06/09 –

SCOPERTO UN NUOVO ANTENATO DELL’UOMO.

Non più africano ma europeo, vissuto 11,9 milioni di anni fa.

di Mihael Georgiev

Il 1° giugno c.a. la prestigiosa rivista PNAS (Proceedings of the National Academy of Sciences, USA) nella sua edizione online che anticipa la pubblicazione stampata, ha annunciato la scoperta di un fossile, finora sconosciuto, di primate (il gruppo al quale appartengono lo scimpanzé, l’orango, il gorilla e l’uomo [che è come dire: “i pesci, gruppo al quale appartengono la sogliola e il merluzzo” http://it.wikipedia.org/wiki/Classificazione_dei_Primati]).

La notizia come al solito ha fatto il giro del del mondo [Che strano, e che scandalo! I media pensano che nel mondo ci siano sul serio dei deficienti ai quali interessa le scienza. In che mondo viviamo, non c’è più religione!] .

vedi:http://www.scienze.tv/node/4517 ehttp://www.ansa.it/opencms/export/site/visualizza_fdg.html_985927651.html).

Il fossile, datato alla metà del miocene (11,9 milioni di anni fa), è stato trovato in Spagna e per gli scopritori suggerisce nuove ipotesi sull’evoluzione umana. Come si usa fare in questi casi, gli autori prima hanno affondato l’ipotesi ufficiale che da alcuni decenni considera l’uomo comparso in Africa: [ovviamente gli autori non hanno affondato affatto questa ipotesi. Ma il bello viene ora]

<< Le australopitecine […] sono state proposte [come antenato più vicino dell’uomo],ma fino ad oggi i fossili troppo scarsi e frammentari hanno impedito di provare questa ipotesi>>.1

[Mihael è così gentile da fornirci lui stesso il link per controllare questa affermazione. E ora viene il bello. Ecco quello che dice, in realtà, l’articolo da Pnas http://www.pnas.org/content/early/2009/06/01/0811730106

Within the Afropithecidae, the Kenyapithecinae (Kenyapithecini + Equatorini) have been proposed as the sister taxon of hominids, but thus far the fragmentary and scarce Middle Miocene fossil record has hampered testing this hypothesis.

Traduco alla buona: con le Afropithecidae, le Kenyapithecinae (Kenyapithecini + Equatorini) sono state proposte come taxon fratello degli ominidi, ma la scarsità del record fossile del miocene non ha reso possibile testare questa ipotesi.

Ora: le Afropithecidae e Kenyapithecinae non hanno nulla a che vedere con le Australopitecine di Mihael, tant’è che le Australopitecine sono del pliocene, mentre qui si sta parlando del miocene, anche se mi rendo contro che questo è un concetto difficile da digerire da persone che credono che I Flintstones sia un documentario. Non si parla nemmeno di antenati, ma di taxon fratelli, cioè gruppi sistematici con un antenato in comune. Il virgolettato di Georgiev è falso quindi a 3 livelli, sistematico, cronologico, biologico]

Ora che i nuovi frammenti fanno proporre una nuova ipotesi, si può impunemente sottolineare la precarietà della precedente [vedi oltre].

La rivendicazione europea della paternità dell’uomo ha segnato due colpi grossi nello spazio di due settimane: prima in Germania con il Darwinius masillae (il lemure di 47 milioni di anni fa), ora in Spagna con il Anoiapithecus brevirostris(il nome scientifico del nuovo fossile di primate).

[Di Ida, il soprannome dato al primo esemplare di Darwinius massilae, forse parlerò un’altra volta. Mi limito a fare notare che l’animale è un Adapide e i rappresentanti di questa famiglia sono stati trovati in tutto il mondo. L’eccezionalità del reperto sta nello stato di conservazione e in alcuni caratteri che ne farebbero una forma di transizione tra le proscimmie e gli antropoidei in cui sono tradizionalmente divisi i primati. Va da sé che anche in questo caso il colpo grosso lo deve aver preso qualcun altro. Alla testa. Ripetutamente.]

La faccia – più esattamente la ricostruzione della stessa dai frammenti del Anoiapithecus brevirostris – mostra caratteristiche più vicine a quelle della faccia umana, come ad esempio la mandibola meno sporgente rispetto alle scimmie, ed è soprattutto questo che ha entusiasmato i ricercatori delle università di Barcellona e Firenze, facendoli proporre teorie alternative per l’origine dell’uomo.

Sarà la rivincita dell’Europa sull’Africa?I nostri antenati erano europei e più antichi di quelli africani? In fondo siamo noi <<il vecchio mondo>>, no?

[L’Anoiapithecus è un ritrovamento eccezionale perché ci troviamo faccia a faccia con la possibilità che gli antenati più prossimi all’uomo, africani, siano discendenti di una migrazione dall’Europa all’Africa, a loro volta migrati precedentemente dall’Africa. L’ipotesi sull’origine africana dell’uomo (Homo sapiens sapiens, a volte), supportata da prove paleontologiche e molecolari, non è affatto confutata da questo ritrovamento. Si mette invece in discussione che tutte le principali tappe dell’evoluzione umana (scusatemi la teleologia, è per intenderci) abbiano avuto luogo in un unico posto, in Africa. E’ la scienza, bellezza: aggiusta la sue visioni sulla base dell’osservazione, a differenza della fede che nega l’osservazione in modo che il credo possa preservarsi]

science - you're doing it wrong

Poi se erano tedeschi o mediterranei ce la disputeremo a Bruxelles, abbiamo parlamento (appena rinnovato) e corte pure. A cosa è dovuto questo <<contrordine compagni>>?

[E’ iniziato il delirio, a questo punto l’idiozia aumenta in modo esponenziale]

Alcuni da molto tempo considerano l’affermarsi dell’ipotesi africana dell’uomo come dovuta al <<politicamente corretto>> piuttosto che alle <<prove>> paleontologiche.

Forse è un’evoluzione del politicamente corretto piuttosto che della specie umana, questione geopolitologica piuttosto che paleontologica?

Scherzi a parte [HAHAHA], in attesa di leggere i dettagli e le discussioni che seguiranno, di più ora non possiamo dire [e per fortuna]. Prima di prendere per oro colato le opinioni dei ricercatori, non perdiamo di vista il problema generale della ricostruzione della supposta origine evolutiva dell’uomo: nel 2001 Henry Gee, uno degli editori di Nature, scriveva che le evidenze fossili della storia evolutiva dell’uomo sono frammentarie e aperte a diverse interpretazioni. <<Le evidenze fossili dell’evoluzione degli scimpanzé sono completamente assenti»;
[poteva mancare il quote mining finale? http://en.wikipedia.org/wiki/Fallacy_of_quoting_out_of_context]

1Salvador Moyà-Solà, David M. Alba, Sergio Almécija, Isaac Casanovas-Vilar, Meike Köhler, Soledad De Esteban-Trivigno,

Josep M. Robles, Jordi Galindo and Josep Fortuny,

«A unique Middle Miocene European hominoid and the origins of the great ape and human clade». PNAS online:http://www.pnas.org/content/early/2009/06/01/0811730106.

2Henry Gee, «Return to the planet of the apes». Nature, 2001;412: 131-132 (12 July).

per approfondire, sul serio, vi rimando a questo link http://rickardsbiondi.nova100.ilsole24ore.com/2009/06/anoiapithecus-brevirostris-un-primate-miocenico-dallaspetto-moderno.html

RAmen

p.s:

nel caso vogliate iscrivervi all’AISO, mi raccomando non scordate di allegare la vostra dichiarazione di Fede http://creazionismo.org/dichiarazione.asp

Advertisements

Responses

  1. Allora, anche se sono in ritardo terribile sulle cose da finire non posso esimermi dal lasciare la mia opinione. D’altronde ho già perso 10 minuti buoni a leggere il post 🙂
    E sono perpluto: “Poi se erano tedeschi o mediterranei ce la disputeremo a Bruxelles, abbiamo parlamento (appena rinnovato) e corte pure.
    A me verrebbe di parteggiare per i nordici ma uso Linux, quello del pinguino. Il quale pinguino è un uccello che vola nell’acqua del mare. Ed è un terrone, anzi il più terrone che si possa immaginare.

    Possano le Sue Pappardellose Appendici assistermi e consentirmi di:
    1) risolvere i miei dilemmi Nord/Sud;
    2) procedere senza intoppo all’installazione di Ubuntu Karmic Koala.

    RAmen.

    PS: Ubuntu è sudafricano, il koala vive in Australia, il pinguino in Antartide: sun bin ciapà, praticament terun!

  2. e adesso vado in letargo, a lavorare, RAmen

  3. Ne vogliamo di più articoli commentati 😀 😀 😀

  4. Sfortunatamente spargere scie chimiche, checchè ne dica Rosario Marcianò, per il quale non esistono
    http://riosaeba78.altervista.org/blog/2009/10/31/confessione_marciano_la_verita/
    mi toglie molto tempo, ma farò del mio meglio.

    RAmen

  5. @Spaghetto
    (nota di servissio: grazie dell’avviso, da una settimana url ochesco cambiato, ora dovresti vedere quello corretto)
    Ottimo elenco dei sintomi, ma per la diagnosi dici che non sa leggere o allucina?
    E spero che sia in pensione, uno così rischia di prendere l’acido muriatico per ascorbico…
    Scie chimiche? Ussignur.

    Icaro è un sadico, Juhan un perditempo e io pure, l’FSM ci benedica.

  6. Oca sapiens! non ti faccio più ‘mico, oltretutto non hai nemmeno ‘buntu!
    Anzi no continuo a leggerti perché con i tuoi post si imparano un sacco di cose, sul francese, il milanese (padan), la mostarda, le gru e le loro abitudini.
    Possano le Sue Pastose Appendici toccare il grano che farà la nostra Pasta e le tumatiche che faranno la nostra Salsa, RAmen.

  7. A scanso di equivoci, a questa Chiesa coloro che spacciano la leggenda delle scie chimiche ricevono il dovuto trattamento https://spaghettovolante.wordpress.com/category/scie-chimiche/
    per questo la CIA mi stipendia con bonifici su un conto che ho a Ocopoli (per non pagare tasse)

    RAmen


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: